Tra l’ombra e la grazia. Il cinema di Liliana Cavani

di Francesca Brignoli

Introdotto da una carrellata dedicata al percorso cinematografico di Liliana Cavani, il dialogo tra la regista e la studiosa intende tracciarne il profilo autoriale dal punto di vista del rapporto con la critica e con il mondo intellettuale, mettendo a fuoco luci e ombre di una relazione dagli esordi ad oggi sempre intensa, che ha dato luogo ad approfondimenti e dibattiti in Italia, in Francia e negli Stati Uniti.

Francesca Brignoli ha dedicato al cinema di Liliana Cavani saggi e la monografia Liliana Cavani. Ogni possibile viaggio (2011). Autrice di volumi (con Nuccio Lodato Orson Welles. Quarto potere, 2015; con Micaela Veronesi Il cinema arte dei corpi, 2019) e di saggi (Barbara Hammer: fare cinema è mettersi al mondo, 2021); si è occupata di attorialità (Charlotte Rampling nel cinema italiano. Una presenza allarmante, 2017; Anomalo, morbido, marginale. Mickey Rourke e il Queer come luogo politico di identificazione, 2019) e fenomeni crossmediali (Identificazione pop di un corpo femminile irregolare. Il caso Gianna Nannini, 2018). Partecipa dal 2015 a FAScinA (Forum Annuale delle Studiose di Cinema e Audiovisivi). È dipendente del Comune di Pavia.

Torna a Diritto di regia. Donne cineaste, quando a fare i film erano soprattutto gli uomini

Questa voce è stata pubblicata in blog. Contrassegna il permalink.

I commenti sono chiusi.