Archivi categoria: news

Al cuore dei conflitti

Torna Al cuore dei conflitti, visioni e riflessioni sui conflitti geopolitici, urbani, razziali e di classe, che assillano numerose zone del pianeta.

L’ottava edizione ci porta in Argentina, Palestina, Bosnia, Italia e Pakistan: sei film inediti per scoprire storie poco conosciute, attraverso gli occhi di chi questi conflitti li ha vissuti o li vive tuttora sulla propria pelle.
Sei film inediti, per riscoprire storie note, da punti di vista diversi e particolari, e un incontro speciale: ospite della rassegna sarà Juan Martin Guevara, fratello del “Che”.

Dal 25 al 29 aprile e il 9 maggio, a Bergamo, Auditorium di Piazza Libertà, e Brescia, Cinema Nuovo Eden.

Il programma:

25 aprile
Bergamo
, ore 21 / Era notte a Roma di Roberto Rossellini (Ingresso gratuito)

26 aprile
Bergamo, ore 21 / La larga noche de Francisco Sanctis di Francisco Márquez e Andrea Testa

27 aprile
 / Incontro con Juan Martín Guevara a seguire / Che, un hombre nuevo di Tristán Bauer

28 aprile
Bergamo, ore 21 / Koudelka Shooting Holy Land di Gilad Baram
Brescia, ore 21 /  Incontro con Juan Martín Guevara Che, un hombre nuevo di Tristán Bauer

29 aprile
Bergamo, ore 21 / Death in Sarajevo di Danis Tanovic

3 maggio
Brescia, ore 21 / Koudelka Shooting Holy Land di Gilad Baram

5 maggio
Brescia, ore 21 / Death in Sarajevo di Danis Tanovic

9 maggio
Bergamo, ore 21 / Les Cowboys di Thomas Bidegain (Ingresso gratuito)

www.alcuoredeiconflitti.it

«Per capire un conflitto o una rivalità geopolitica, non basta precisare e cartografare le poste in gioco, bisogna anche cercare, lo si è visto – soprattutto quando le cause sono complesse – di comprendere le ragioni, le idee dei suoi principali attori: capi di Stato, leader di movimenti regionalisti, autonomisti o indipendentisti, eccetera. Ciascuno di essi esprime e influenza a un tempo lo stato d’animo della parte di opinione pubblica che rappresenta. Il ruolo delle idee – anche se sbagliate – è capitale in geopolitica. Sono esse a spiegare i progetti e a determinare la scelta delle strategie, certo insieme ai dati materiali».

Yves Lacost

 

Un progetto FIC – Federazione Italiana Cineforum e Lab 80, in collaborazione con Bergamo Festival – Fare la Pace, Bergamo Film Meeting, Laboratorio 80, Comune di Bergamo, Comitato Bergamasco Antifascista.

Una nuova collaborazione con laVerdi

FIC – Federazione Italiana Cineforum inaugura una nuova collaborazione con laVerdi – Fondazione Orchestra Sinfonica e Coro Sinfonico di Milano Giuseppe Verdi. Una rassegna dedicata al cinema con la proiezione su grande schermo di 4 film in lingua originale sottotitolata ed esecuzione della colonna sonora dal vivo eseguita dall’orchestra sinfonica Giuseppe Verdi.
Per tutti i tesserati FIC, la possibilità di acquistare l’abbonamento ridotto a 100 euro (anziché 120) per i 4 spettacoli, presso la sede dell’Auditorium di Largo Mahler (zona Navigli).

backtothefutureipredatoridellarcaperduta

Gli appuntamenti della rassegna:

RITORNO AL FUTURO, di Robert Zemeckis (1985).
Diretto da Jessica Cottis, con le musiche di Alan Silvestri
Mercoledì 26 aprile, ore 20.30
Giovedì 27 Aprile , ore 20.30

I PREDATORI DELL’ARCA PERDUTA, di Steven Spielberg (1981)
Diretto da Ernst Van Tiel
Mercoledì 28 giugno, ore 20.30
Giovedì 29 giugno, ore 20.30

STAR TREK, di Jeffrey Jacob Abrams (2009)
Giovedì 14 settembre, ore 20.30
Venerdì 15 settembre, ore 20.30

NOSFERATU,  di Friedrich Wilhelm Murnau (1922)
Giovedì 16 novembre, ore 20.30
Venerdì 17 novembre, ore 20.30

Dopo i successi del 2016, laVerdi conferma una formula di grande fascino per il pubblico di ogni età: la proiezione di popolari film di Hollywood, con l’esecuzione delle colonne sonore in sincrono dal vivo. Quattro le pellicole in locandina: Ritorno al futuro di Robert Zemeckis; Indiana Jones – I predatori dell’arca perduta, di Steven Spielberg; Star Trek – 2009 di J. J. Abrams; Nosferatu – 1922 di Friedrich Wilhelm Murnau; con appuntamenti infrasettimanali mai sovrapposti alla stagione principale. Per queste speciali occasioni, saliranno sul podio a dirigere laVerdi specialisti del genere: Jessica Cottis, Ernst van Tiel e Timothy Brock.
Si parte dunque con Ritorno al futuro (Back to the Future), film del 1985 diretto da Robert Zemeckis, interpretato da Michael J. Fox e Christopher Lloyd, diventato ben presto una pellicola-icona, una specie di template degli anni Ottanta, attuale e godibilissimo ancora oggi, perfettamente integro e fragrante nella sua freschezza, spontaneità e girandola di trovate irripetibili.
Doppio appuntamento mercoledì 26 e giovedì 27 aprile, sempre alle ore 20.30, all’Auditorium di Milano in largo Mahler. A condurre l’Orchestra Sinfonica di Milano Giuseppe Verdi in questa nuova avventura sarà l’australiana Jessica Cottis, specialista di musiche per film, tra i protagonisti della scorsa edizione dei BBC Proms.
Primo episodio della trilogia omonima, Ritorno al futuro ha riscosso un enorme successo a livello internazionale, sbancando i botteghini in ogni parte del mondo. Zemeckis ambientò la storia nel 1955, affermando che, matematicamente, un diciassettenne degli anni ‘80 che va indietro nel tempo per incontrare i propri genitori, all’epoca coetanei, si sposterebbe in quel decennio. La musica orchestrale è stata composta dall’americano Alan Silvestri, coinvolto dalla produzione dall’inizio del progetto.

Scopri la rassegna completa: laverdi.org/it/categories/2017/i-film.

55 anni di storia… a portata di clic!

Tutto l’archivio storico della rivista dal numero 1 ad oggi in formato .pdf OCR comodamente consultabile e acquistabile online? Da oggi si può!
Su cinebuy.com trovi tutti gli articoli, le recensioni, i saggi e le interviste pubblicati in 55 anni di storia della rivista… a portata di clic!

Un’operazione editoriale che FIC – Federazione Italiana Cineforum ha curato in 5 anni di lavoro, digitalizzando e indicizzando tutti gli arretrati dal n. 1 al n. 375, quando ancora non esistevano i file di archivio.

In questi anni abbiamo squadernato la nostra collezione rilegata, l’abbiamo acquisita in formato digitale, pagina per pagina, e abbiamo reso ricercabili i contenuti all’interno dei sommari di ogni singolo numero. Ora possiamo finalmente renderla interamente fruibile ai nostri lettori tramite la ricerca su cineforum.it e l’acquisto dei singoli fascicoli (o in pacchetti più economici per annata, 5 annate o pacchetto completo) sul nostro e-commerce Cinebuy.

unnamed

La rivista, che ad oggi vanta 55 anni di pubblicazione ininterrotta a cadenza mensile (con 10 numeri all’anno) e un nuovissimo sito online cineforum.it è sempre stata ed è tuttora un punto di riferimento imprescindibile per la formazione e l’aggiornamento critico sul cinema per generazioni di studiosi, semplici appassionati e addetti ai lavori.

La rivista ha modificato negli anni l’impostazione culturale, assecondando il cambio dei tempi: ha cambiato formato, ha proposto nuove soluzioni per le copertine e ha rinnovato la sua veste grafica (quella nuovissima a partire dal n. 553), senza mai abdicare alla vocazione originaria.
Cineforum è e rimane uno strumento di riflessione sul cinema in tutte le sue forme.

E ora finalmente tutto l’archivio storico in formato .pdf, comodamente consultabile e acquistabile online!

Ogni singolo fascicolo, .pdf o cartaceo (se ancora disponibile), oppure una singola annata, cinque annate o l’intero pacchetto completo di 375 fascicoli in .pdf. Da oggi si può!

Lucca Film Festival e FIC!

16806721_10154169678687353_3018870910221464399_n

Anche quest’anno FIC – Federazione Italia Cineforum rinnova la convenzione con Lucca Film Festival & Europa Cinema.
Tutti i cineforum FIC che aiuteranno a promuovere le attività del festival riceveranno in omaggio due abbonamenti giornalieri. E per tutti i tesserati FIC, diritto di accesso a tariffa ridotta ai biglietti e agli abbonamenti del festival!

I prezzi saranno resi noti nelle prossime settimane sul sito www.luccafilmfestival.it

Red carpet stellare per l’evento che si svolgerà dal 2 al 9 aprile tra Lucca e Viareggio
Oliver Stone, Willem Dafoe, Aki Kaurismaki, Olivier Assayas, Valeria Golino e Julien Temple al Lucca Film Festival e Europa Cinema 2017
Tra gli ospiti anche Cristi Puiu, Giada Colagrande e Bruno Monsaingeon. A tutte le star presenti sarà dedicato un omaggio tra premi, proiezioni e incontri con il pubblico

Scarica il comunicato.

Il ballo dei giganti di Nola

Una nuova proposta per i circoli FIC. Un documentario di Antonio Iorio sulla celebre Festa dei Gigli a Nola in onore di San Paolino. Un viaggio alla radici della tradizione e del folklore.

foto piazza Il ballo dei Giganti di Nola è l’opera prima del giovane e poliedrico Antonio Iorio, che ha visto premiato il proprio lavoro con l’invito e la proiezione a Manhattan del suo docufilm nel febbraio 2016, in occasione della rassegna sul folklore italo-americano organizzata dal Calandra Institute della City University of New York (uno dei più prestigiosi dipartimenti di antropologia a livello mondiale).

Il ballo dei Giganti di Nola, di Antonio Iorio
Durata 90’
Lingue: Italiano/ Napoletano
Sottotitoli: Ita/ Inglese
Genere: Docufilm
Colore
Speed: 25 fps
Aspect Ratio: 16/9
Anno: 2015

Scarica il pressbook.

Info: antonio@i-orion.it / T. 393.9491311 / FB

La relazione del 64° Consiglio Federale

BIGGER THAN TV
Quando la televisione diventa cinema
64° Consiglio Federale / XXVII Vedere e studiare Cinema – Convegno di studi
in collaborazione con Università degli Studi di Bergamo, Laboratorio 80 e Lab 80 film

Si è svolto a Bergamo, presso l’Auditorium di Piazza della Libertà, il 23 e il 24 settembre 2016, in occasione del 64° Consiglio Federale della Federazione Italiana Cineforum, il 27° Convegno di studi “Vedere e studiare cinema”.
Argomento del convegno è stato quest’anno il fenomeno ormai conclamato a livello di pubblico e di critica della serialità televisiva, in tutti quegli aspetti che, negli ultimi anni, la hanno resa sempre più “cinematografica”, al punto da vedervi continuamente coinvolti – senza che la cosa desti ormai più alcuna meraviglia – volti noti dello star system hollywoodiano e registi/autori che finora si erano sempre e soltanto dedicati al grande schermo.
Abbiamo considerato che fosse il momento giusto per fare il punto su questa realtà. Di provare a capire come considerarla, se non proprio definirla: ancora televisione? una forma di narratività televisiva in via di mutazione? oppure cinema a tutti gli effetti, per quanto trasmesso sugli schermi domestici e non proiettato su grande schermo in sala? Inoltre: come analizzarne i generi portanti; quali relazioni ci sono (quando ci sono) tra serialità e precedenti fonti filmiche; in che termini è possibile far rientrare questo tipo di produzione nel concetto di, per così dire, “identità autoriale”; come si è evoluto il sistema produttivo, l’industria della serialità, in rapporto alla progressiva crescita qualitativa (stile, linguaggio, forme) dei prodotti.
Come si può vedere, la carne al fuoco era parecchia, anche in virtù del fatto che ci si trovava davanti a un territorio, ormai vastissimo, da affrontare per la prima volta. E considerando anche il fatto che la conoscenza delle serie televisive da parte del pubblico non può certo essere data per scontata, al di là di quelle poche (o sarebbe meglio dire pochissime) che hanno costituito in sé (e per motivi differenti) un “caso”.
I relatori intervenuti provenivano da esperienze diverse. Un gruppo consistente era costituito da critici cinematografici, nella quasi totalità collaboratori di «Cineforum»; due appartenevano invece al settore della ricerca accademica sul tema; uno rappresentava ciò che di meglio la critica televisiva esprime oggi in proposito. Infine, non è mancata la testimonianza di chi (Davide Lantieri) lavora (anche) in questo settore come sceneggiatore, in grado quindi di dare conto delle dinamiche e degli sviluppi interni alla produzione seriale italiana tra Rai e Sky. Come si può vedere, l’argomento è stato dunque approfondito da punti di vista diversi e complementari. Sono state analizzate “serie” di successo come True detective #1 (da Gloria Zerbinati), The Knick (Federico Pedroni), Fargo (Luca Malavasi), Vinyl e Show Me a Hero (Roberto Manassero), Mr. Robot (Andrea Fornasiero). Ma anche la serie Love/Hate (Mauro Gervasini, direttore di «FilmTv») di produzione irlandese e mai programmata in Italia (della quale però è in corso di realizzazione una sorta di remake made in Usa). Lorenzo Rossi ha invece analizzato la mini-serie francese P’tit Quinquin, realizzata per la tv ma in Italia distribuita soltanto in alcune sale cinematografiche. Attilio Palmieri e Paola Brembilla, ricercatori dell’Università di Bologna, hanno infine trattato rispettivamente la metamorfosi televisiva del genere comedy e gli aspetti produttivo-industriali che sono all’origine della più recente ricerca formale nella serialità tv.
Tutte le relazioni sono state accompagnate dalla proiezione di immagini, scene, sequenze, che hanno contribuito a dare il necessario (e coinvolgente) supporto visivo alle parole.
Nel pomeriggio di venerdì 23 i relatori sono stati presentati e introdotti da Leonardo Gandini dell’Università di Modena e Reggio Emilia, che ha inoltre ravvivato il dibattito con ulteriori domande a partire dai contenuti da essi sviluppati. Il medesimo ruolo è stato tenuto con altrettanta efficacia, durante la giornata di sabato 25, da Stefano Guerini Rocco dell’Università di Bergamo. A cura del Laboratorio 80 sono state invece le proiezioni che hanno concluso le due giornate: Mildred Pierce di Michael Curtiz, Fargo dei fratelli Coen e P’tit Quinquin di Bruno Dumont.
La partecipazione di un pubblico numeroso, interessato e in gran parte giovane ha significativamente sottolineato la bontà della proposta della Federazione, sia per quanto riguarda l’argomento in sé sia nella scelta del momento, dei tempi e dei modi con cui si è andati a trattarlo.

Ed ecco alcuni scatti della tre giorni:

Tesseramento anno sociale 2016-2017

tessere1617

Per rinnovare la propria adesione alla FIC – Federazione Italiana Cineforum per l’anno sociale 2016-2017 è sufficiente compilare la domanda di affiliazione (modulo verde), versare la quota di adesione e richiedere la quantità di tessere federali utili per la propria attività. Ricordiamo che la tessera federale ha validità annuale e il cineforum affiliato ha la facoltà di utilizzare la dicitura “Circolo aderente alla Federazione Italiana dei Cineforum”.

Entro il 9 dicembre 2016 tutti i circoli aderenti sono invitati a compilare la scheda informativa (modulo rosa) sull’attività svolta nell’anno solare 2016 e inviare il tutto alla Segreteria – Sede operativa di Bergamo, preferibilmente via e-mail all’indirizzo info@cineforum-fic.com.

E da quest’anno il settimanale Film Tv è partner per la stagione 2016/2017 di FIC!

Film Tv, unico settimanale italiano di cinema, televisione, musica e spettacolo, da sempre attento alla realtà dei cineforum e dei cineclub italiani (a cui dedica periodicamente una rubrica d’approfondimento) è partner della FIC – Federazione Italiana Cineforum, per la stagione cinematografica 2016/2017.
L’accordo prevede l’emissione, finanziata da Film Tv, di 30.000 tessere FIC personalizzate con il logo del settimanale e la diffusione, nelle sale del circuito FIC, di uno spot della rivista da proiettare prima dei film: una naturale evoluzione dell’impegno che da sempre Film Tv promuove nel sostegno di sale e iniziative tese alla diffusione di opere fuori dal circuito strettamente commerciale e della cultura cinematografica in generale.

TESSERAMENTO ANNO SOCIALE 2016-2017

• la quota di iscrizione è di € 50,00 (per ciascun circolo), comprensiva dell’invio delle prime 200 tessere;
• la richiesta di ulteriori tessere prevede un costo aggiuntivo di € 0,10 cad.;
• le tessere saranno inviate (con posta prioritaria o corriere, con spese a carico del destinatario) all’indirizzo del circolo all’atto di perfezionamento dell’iscrizione, indicando il numero complessivo di tessere necessarie per lo svolgimento della propria attività.

FACILITAZIONI E ONERI

La quota di adesione di € 50,00 e l’eventuale supplemento versato per un numero di tessere aggiuntive (superiore al minimo di n. 200) costituiscono l’atto ufficiale di rinnovo alla FIC – Federazione Italiana Cineforum.
La FIC fornisce ai cineforum affiliati una serie di servizi dedicati:
1) offre consulenza specializzata su ogni aspetto dell’attività del circolo;
2) invia gratuitamente la rivista «Cineforum» alla sede del circolo ad ogni rinnovo annuale;
3) riserva prezzi speciali sul listino titoli della Cineteca Federale Lab 80 film e su pacchetti tematici ad hoc (“Al Cuore dei Conflitti”);
4) garantisce la possibilità di partecipare a convegni, corsi, seminari, mostre e festival cinematografici (Venezia, Roma, Torino, Bergamo, Locarno);
5) riserva convenzioni e prezzi di favore con alcune case di distribuzione (MPLC, Istituto Luce).
Tutti i cineforum affiliati hanno il diritto di partecipare all’annuale edizione del Consiglio Federale della FIC nelle modalità previste dal regolamento federale. Il numero dei delegati di ciascun cineforum è determinato sulla base delle tessere ufficiali sottoscritte.

VANTAGGI PER I NUOVI CIRCOLI

I cineforum che aderiscono alla FIC – Federazione Italiana Cineforum per la prima volta nell’anno sociale 2016-2017, e quindi solo per il primo anno, hanno diritto ai seguenti vantaggi:
• 2 film gratuiti a scelta dal listino di distribuzione di Lab 80 film, Cineteca Federale (lab80.it);
• 5 abbonamenti gratuiti alla rivista «Cineforum» (1 abbonamento alla Sede del circolo + 4 abbonamenti riservati ai membri del Consiglio Direttivo del Circolo, o a tesserati, su indicazione stessa del circolo).

MODALITÀ DI PAGAMENTO

Bonifico bancario
IBAN IT12F 03359 01600 1 00000128 641
c/o Banca Prossima – Filiale di Milano, Piazza Paolo Ferrari 10 – 20121 Milano
intestato a FIC – Federazione Italiana Cineforum
via Pignolo, 123 – 24121 Bergamo
Causale: Tesseramento anno sociale 2016-2017

Al fine di evitare inconvenienti o ritardi nella consegna delle distinte bancarie si prega di inviare la comprova del pagamento all’indirizzo e-mail info@cineforum-fic.com o via fax allo 035.341255.

DOCUMENTI SCARICABILI

• ULTERIORI INFORMAZIONI (.pdf)
• MODULO VERDE DOMANDA DI AFFILIAZIONE
per perfezionare l’adesione alla FIC nella modalità prescelta e ordinare le tessere federali nel numero necessario per la propria attività annuale.
• MODULO ROSA SCHEDA INFORMATIVA
per indicare l’attività svolta nell’anno solare 2016, da compilare in tutte le sue parti e far pervenire alla Segreteria entro e non oltre il 9 dicembre 2016.

NB: poiché spesso l’elenco di programmazione è molto lungo, consigliamo di inviare l’elenco in file .doc all’indirizzo email info@cineforum-fic.com.

I ricordi del fiume

Un film di Gianluca e Massimiliano De Serio, a condizioni tariffarie speciali per sale e circoli affiliati FIC.

gianluca-e-massimiliano-de-serio-i-ricordi-del-fiume-still-da-film

I ricordi del fiume di Gianluca e Massimiliano De Serio, prodotto da La Sarraz Pictures con Rai Cinema, dopo la presentazione in anteprima mondiale alla 72ma Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia e al prestigioso festival svizzero Visions du Réel, è approdato nelle sale italiane distribuito da La Sarraz Pictures.

I ricordi del fiume è un film documentario sul Platz, una delle più grandi baraccopoli d’Europa, situata sugli argini del fiume Stura a Torino, in cui vivevano oltre mille persone di diverse nazionalità prima che un progetto di smantellamento si abbattesse sulla comunità di più di mille persone che lo abitava. In una labirintica immersione, I ricordi del fiume ritrae gli ultimi mesi di esistenza del Platz, tra lacerazioni, drammi, speranze, vita.

Per i circoli aderenti alla FIC, il film dei due talentuosi autori torinesi – già noti per il pluripremiato Sette Opere di Misericordia (2011) – è disponibile a condizioni di noleggio speciali e molto vantaggiose che potete verificare semplicemente scrivendo un’email a lasarrazdistribuzione@gmail.com o telefonando allo 011 5534260.
La distribuzione fornirà il supporto richiesto dalle singole sale (dcp, blu-ray, dvd, formato file in alta qualità) oltre manifesto e locandine. È possibile anche richiedere la presenza degli autori rimborsando le spese per viaggio e pernottamento.

I RICORDI DEL FIUME
di Gianluca e Massimiliano De Serio
Durata 96’
Lingue: Italiano/ Romeno
Sottotitoli: Ita/ Inglese
Colore
Speed: 25 fps
Aspect Ratio: 16/9
Anno: 2015

Info: lasarraz.com/it/distribuzione / Antonietta Bruni- La Sarraz Pictures srl lasarrazdistribuzione@gmail.com T. 011 5534260 / FB facebook.com/lasarraz.distribuzione

 

Premio Adelio Ferrero 2016

premioferrero

L’A.S.M. Costruire Insieme con Il Circolo del cinema “Adelio Ferrero”, in collaborazione con le Edizioni Falsopiano, organizza per il 2016 la trentatreesima edizione del Premio per ricordare la figura di Adelio Ferrero (1935-1977), critico cinematografico, protagonista della cultura alessandrina, docente di cinema presso il DAMS all’Università di Bologna, fondatore della rivista “Cinema e Cinema”, primo Presidente del Teatro Comunale.

Il Premio è riservato agli autori di saggi, video-saggi e recensioni di argomento cinematografico e televisivo. Gli argomenti potranno riguardare cinema, televisione e media visivi in genere nei differenti formati anche web, con particolare riguardo ad autori, opere, tendenze, teoria, rapporti con la filosofia e le arti, senza alcuna limitazione di tempo, luogo, aspetto e prospettiva.

BANDO DI CONCORSO per giovani saggisti e critici di cinema

PER PARTECIPARE AL PREMIO
Occorre aver compiuto i sedici anni e non aver superato i trentacinque.

MODALITÀ DI PARTECIPAZIONE
I concorrenti dovranno far pervenire, entro e non oltre il 20 settembre 2016, tramite e-mail, con conferma di lettura e di ricezione all’indirizzo premioferrero@asmcostruireinsieme.it (in caso di mancata conferma entro 5 giorni dall’invio, contattare il numero 0131.23.42.66}:
→ una domanda di partecipazione al Premio in cui dovranno essere chiaramente indicati i dati del partecipante (generalità anagrafiche, residenza, codice fiscale, mail e numero telefonico, curriculum vitae, eventuali pubblicazioni);
→ la quota di iscrizione: € 20,00 per i minorenni / € 30,00 per i maggiorenni.
Il pagamento dovrà avvenire tramite bonifico bancario Intestato a: A.S.M. Costruire Insieme – IBAN: IT 66 B 05584 10400 000000002476 (copia del bonifico dovrà essere allegata alla domanda di iscrizione).

I PREMI
Sezione saggi – 1° classificato € 1.000,00, 2° classificato € 500,00
Sezione video-saggi – 1° classificato € 1.000,00, 2° classificato € 500,00
Sezione recensioni – 1° classificato € 400,00, 2° classificato € 250,00

La Giuria si riserva il diritto di non assegnare o di attribuire diversamente le somme qui indicate. L’inosservanza o la non accettazione di quanto su esposto saranno preclusive della partecipazione. I concorrenti potranno partecipare, con la stessa domanda, a tutte le sezioni, ma potranno essere premiati per una sola di esse. Per partecipare alla sezione saggi, i concorrenti dovranno allegare, in formato digitale (preferibilmente .pdf e tassativamente senza immagini) un solo saggio inedito ed originale, di ampiezza compresa tra le 15.000 e le 30.000 battute (spazi compresi); per partecipare alla sezione video-saggi, i concorrenti dovranno inviare il loro elaborato in formato digitale, senza limiti di lunghezza (copia in DVD dovrà essere inviata a ASM Costruire Insieme e identica versione sarà caricata dai concorrenti su una piattaforma on line, onde consentire la visione ai giurati del Premio cui verrà fornita eventuale password di accesso contestualmente al ricevimento del video-saggio); per partecipare alla sezione recensioni, i concorrenti dovranno allegare, in formato digitale, una sola recensione inedita ed originale di ampiezza non superiore alle 4.000 battute.

Della Giuria del Premio faranno parte: Lorenzo Pellizzari (Presidente), Mathias Balbi, Giorgio Cremonini, Davide D’Alto, Bruno Fomara, Mario Gerosa, Roberto Lasagna, Nuccio Lodato, Luca Malavasi, Anton Giulio Mancino, Roy Menarini, Emiliano Morreale, Adriano Piccardi, Barbara Rossi, Saverio Zumbo.

PREMIAZIONE
I premi saranno consegnati nell’autunno 2016, durante la manifestazione “Le giornate del Premio Adelio Ferrero 2016’’

LongTake Plus

È nato LongTake Plus, la nuova offerta di LongTake che offre sconti in sala, streaming e festival!

Il 30 novembre 2015 nasce LongTake, il primo dizionario di cinema online con oltre 22.000 schede e un’anima spiccatamente social: su LongTake puoi creare il tuo profilo per votare e commentare i film, scrivere recensioni e scambiare opinioni con gli altri utenti.
Ma si sa, per gli amanti del grande schermo le emozioni non sono mai abbastanza: per chi volesse vivere il cinema a 360° è arrivato LongTake Plus, il servizio di abbonamento in esclusiva per gli utenti di LongTake.
Visioni in sala, streaming e festival: LongTake Plus regala ai suoi abbonati il privilegio di diventare protagonisti della propria passione, al cinema, a casa e sul red carpet.
Tre i pacchetti studiati per ogni esigenza. Plus 1 è la modalità ideale per chi volesse provare l’offerta: per un mese, a soli euro 4,99, garantisce ingressi a prezzo ridotto nelle sale del circuito UCI Cinemas e in altre sale partner e la possibilità di ottenere accrediti e biglietti per prestigiosi festival italiani. Per chi volesse sfruttare queste opportunità più a lungo, Plus 3 consente di beneficiare del medesimo servizio per un periodo di tre mesi a soli euro 12,99.
Ma non è tutto: con l’imperdibile offerta lancio SpringBreak la primavera si tinge di tutti i colori del cinema. Oltre agli sconti in sala e alle agevolazioni per i festival, gli abbonati potranno gustarsi tre mesi di streaming senza vincoli con Infinity Pass, ricevere una copia omaggio e uno sconto sull’abbonamento a Cineforum – Rivista mensile di cultura cinematografica edita dalla FIC – Federazione Italiana Cineforum e usufruire dei vantaggi della tessera della Cineteca Italiana, valida un anno.
SpringBreak sarà disponibile solo fino al 21 giugno, al prezzo di euro 24,99: la scelta migliore per chiunque voglia godersi il cinema in ogni sua sfumatura!

Scopri di più su www.longtake.it/plus